• Controllo utente in corso...
NAVIGA IL SITO

Le feste pagane riciclate dalla Chiesa

Vi siete mai domandati perchè il periodo che va da dicembre a marzo è pieno di feste religiose? Ecco l'articolo giusto per trovare le risposte!

di Redazione GirlPower 20 settembre 2006

Il nostro Calendario pagano

Le feste del nostro calendario, in apparenza "innocenti" non sono altro che la conseguenza di ciò che la chiesa ha fatto nei secoli per tentare di sradicare il paganesimo. L' anno liturgico si è sviluppato ed è cresciuto a seconda delle esigenze della comunità cristiana, e di coloro che la governavano, quindi le date che oggi conosciamo non sono altro che puro formalismo. Il cristianesimo ha massacrato una cultura millenaria, imponendosi con la forza anche sul calendario! Celebrazioni come il Natale, Capodanno, Pasqua, e tante altre feste "minori", non sono altro che le ombre di antichi riti pagani.

Solitamente, per paganesimo si intendono le religioni greco-romane e quella celtica, ma dobbiamo ricordare, che nella Roma Imperiale convivevano tantissime religioni diverse e, talvolta, si fondevano fra loro. Faccio presente, inoltre, che nell'antica Roma si festeggiava per circa 180 giorni all'anno, il che rende impossibile fare un elenco completo di tali festività.

Il Natale
Il 25 dicembre, i cristiani festeggiano la natività di Gesù, tra cenoni, feste, regali e consumismo sfrenato, tutti celebrano la nascita di colui che considerano il salvatore dell' umanità, e ciò ha luogo accanto l' albero di natale. Ma cosa succedeva nell'antica Roma? I Romani celebravano diverse feste come, ad esempio, I Saturnali e Il Sole Invictus.
I Saturnali si festeggiavano in onore del dio Saturno, tra il 17 e il 23 dicembre. La particolarità di questa festa era il divertimento e lo scambio dei ruoli sociali, così tra banchetti, giochi d'azzardo, danze, orge, e canti, gli schiavi avevano la possibilità di scherzare con i padroni ed incluso di farsi servire a tavola. Prima di proseguire vorrei fermarmi un attimo suoi giochi d' azzardo, visto che i Romani, e anche alcune tribù barbare, consideravano la Fortuna come un volere divino, quindi, giocando una semplice partita di dadi si poteva, in certo senso, "leggere" il proprio destino. Per questo motivo erano vietati (anche se molto praticati ugualmente) il resto dell' anno. Ciò che oggi rimane da quelle "pratiche divinatorie" è il gioco della tombola che, solitamente, si fa a natale con gli amici e parenti.

Il Sole Invictus invece, è stato fissato dall' Imperatore Aureliano il 25 dicembre e commemorava il solstizio d'inverno; giorno nel quale le "ombre della notte" prevalevano sulla luce del giorno, ma a sua volta, rappresentava la rinascita dello stesso Astro. Da quel momento in poi i giorni cominciano ad allungarsi lentamente.
E l'albero di natale? Quali sono le sue origini? Sempre in questo periodo dell'anno, nei paesi scandinavi, poco prima del solstizio, le persone si recavano nel bosco e tagliavano un abete. Una volta portato a casa, lo decoravano con ghirlande e piccoli oggetti fatti da loro stessi. Ed è giustamente sotto quest'abete che passavano la notte che precedeva il solstizio, così come i cristiani fanno oggi a Natale, anche se con una connotazione diversa.
Con l'arrivo del cristianesimo però, l'albero è stato interpretato come Cristo (che protegge gli uomini), e le luci come l'energia che lui disperde sull' umanità. Il vero motivo per il quale il Natale si festeggia il 25 dicembre è perchè, nei primi decenni del cristianesimo, i credenti erano molto attratti dalle feste pagane, e la Chiesa, preoccupata per la popolarità di questi avvenimenti, sovrappose la natività di Cristo alla festa del Sole Invictus. Tanto è vero che, nei nostri giorni, le chiese non sottoposte alla gerarchia romana, non accettano questa data come il giorno della nascita di Gesù.

Per quanto riguarda il Capodanno possiamo dire che, durante il Medioevo, e fino alla fine del Settecento, la sua data ha avuto molti cambiamenti. In Inghilterra e Irlanda (fino al 1752) si festeggiava il 25 marzo, in Spagna (fino all' inizio del Seicento) si festeggiava il 25 dicembre. Qualche volta le date variavano da città a città, così a Venezia si festeggiò il 1° marzo, fino alla caduta della repubblica (1797), mentre a Firenze, fino al 1564, si festeggiava il 25 marzo.

L' Epifania
Questo termine deriva dal greco epiphaneia, che vuole dire "manifestazione, apparizione". Il 6 gennaio, altra data consumistica per eccellenza, i cristiani festeggiano la visita dei re magi alla grotta di Betlemme, ma nell'antichità questo giorno corrispondeva alla festa paleoegizia del solstizio invernale.  

Il Carnevale
Ai nostri giorni il Carnevale è una festa di gioia e divertimento, un "lasciarsi andare" ai piaceri, che non ha niente a che vedere con la religione, perchè giustamente quest' ultima non ha potuto contrastare questo avvenimento popolare, nel quale restano vivi quasi tutti i costumi pagani. Il termine Carni Levanem in latino significa "sollievo della carne". In questo periodo la gente si sfogava dalla "repressione" subita nel resto dell'anno, con feste, banchetti e sfilate. Tutto il mese di febbraio era un periodo di passaggio, che segnava il tramonto dell'anno vecchio ed il rinnovamento del Cosmo. Periodo di caos, vino e gioia, seguito anche da riti di purificazione dedicati ai morti. A Roma si svolgevano delle corse rituali con carri trainati da cavalli, queste corse erano in onore al dio Marte, protettore della città. L'uso delle maschere esisteva già, alcuni dicono che quest' abitudine era per fare in modo che i morti (che tornavano sulla terra) non si confondessero fra i vivi; altri invece, dicono che l'utilizzo delle maschere permetteva l'abbandono all'euforia senza essere riconosciuti. Il vero è che, qualsiasi fosse stato il motivo, queste usanze sono ancora diffuse

Pasqua
La pasqua cristiana deriva da quella ebraica, e fu celebrata la prima volta nell'anno 160. Il tradizionale uovo pasquale è simbolo di nascita e resurrezione in ogni tradizione culturale: un mito indiano narra che "nella notte dei tempi tutte le cose erano immerse nelle tenebre e sepolte in un sonno profondo. Colui che sussiste per se stesso volle creare il cosmo dalla propria sostanza: creò dapprima le acque deponendovi un uovo splendente..." [Calendario, di Alfredo Cattabiani].

La pasqua cristiana, inoltre, coincide con la data dell'equinozio di primavera dei pagani. 


Ferragosto
Nel 18 a.C. il primo Imperatore Romano, Augusto, istituì le Feriali Augusti, dove si celebravano delle feste per diverse divinità, fra le quali Diana, Portuno, Giano e Venere. Oggi ferragosto è stato spostato al giorno 15, ma in tutto il mese si celebrano delle feste sacre, fra cui l'assunzione della beata vergine Maria. Altre date, nomi ed avvenimenti, meno conosciute, che ugualmente richiamano il paganesimo, sono:

24 giugno, natività di san Giovanni Battista
Feste pagane del solstizio d' estate (fra il 19 e il 25 giugno), evento simbolizzato tradizionalmente dal matrimonio del Sole e la Luna

La Corrida
"Festa" barbarica spagnola che, molto probabilmente, ha le sue origini nel culto asiatico del dio Mitra, al quale veniva sacrificato un toro

La Domenica di Riposo
L'idea del riposo domenicale risale alla legge del 7 marzo del anno 321, quando l'imperatore Costantino impose l'obbligo civile di riposo nel "venerabile giorno del sole"

I Giorni della Settimana
Lunedì, è il giorno della Luna
Martedì, richiama al dio pagano Marte
Mercoledì, è il giorno di Mercurio
Giovedì, richiama la divinità pagana Giove
Venerdì, richiama la divinità pagana Venere
Sabato (in inglese Saturday), richiama alla divinità pagana Saturno
Domenica (in inglese Sunday), è il giorno del Sole (in inglese sun)

Parole "comuni"
Afrodisiaco, richiama la dea greca dell'amore, Aphrodìte.
Narcisista, richiama il mito greco di Narciso.
Complesso Edipico, richiama il mito greco di Edipo.
Ermafrodita, nella mitologia greca Hermaphrodito era il figlio di Aphrodìte, dotato di duplice sessualità.


Caricamento in corso: attendere qualche istante...

15
Commenti

Pagina 1 di 2:
1 2 > »
giovanni7 giovedì, 20 gennaio 2011

verità

Dire vhe la Chiesa ha riciclato le feste Pagane non è un'offesa ma è la constatazione che siamo stati presi in giro da abili manipolatori che ci hanno fatto credere lucciole per lanterne.Fino a 30 anni credevo fermamente a quello che mi avevano insegnato a scquola,ma poi ampliando il bagaglio cognitivo che con Internet si ingrossato a dismisura,ho capito la Storia è manipolata dal Potere e capisco le torture subite dai poveri disgraziati che avevano aperti gli occhi:Il Cristianesimo è nato nel 362 dall'imperatore Coatante ll che istituì la pena di morte per i pagani.La paura della morte fece trionfare il Cattolicesimo.

n° 6
EcateCassandra lunedì, 25 luglio 2011

R: verità

> Dire vhe la Chiesa ha riciclato le feste Pagane non è un'offesa ma è la constatazione che siamo stati presi in giro da abili manipolatori che ci hanno fatto credere lucciole per lanterne.Fino a 30 anni credevo fermamente a quello che mi avevano insegnato a scquola,ma poi ampliando il bagaglio cognitivo che con Internet si ingrossato a dismisura,ho capito la Storia è manipolata dal Potere e capisco le torture subite dai poveri disgraziati che avevano aperti gli occhi:Il Cristianesimo è nato nel 362 dall'imperatore Coatante ll che istituì la pena di morte per i pagani.La paura della morte fece trionfare il Cattolicesimo.



Mi sono trovata nella medesima situazione sopra descritta da giovanni7, anche io fino a trenta anni non mi sono posta domande più di tanto, anche se notavo varie incongruenze, ora sono diventata pagana e credo basti dire questo per farvi capire quanta delusione ha suscitato in me un modo unico di concepire le cose e gli eventi, comunque non detesto le-i cristian* di oggi mi infastidisce l'ignoranza quello si.

In hoc signo vicit giovedì, 20 gennaio 2011

R: verità

E chi ti dice che invece non stai frugando nel bagaglio sbagliato ora?
Da quel che stai apprendendo direi di sì.
E comunque i libri di scuola non sono certo filo-cristiani, anzi. Basta vedere come viene trattato il Risorgimento (ma de che?)...

Vharcan venerdì, 22 maggio 2009

Una piccola aggiunta...

Vorrei soltanto fare una piccola aggiunta, per quanto riguarda il giorno del "sabato".
Ottimo il collegamento con il giorno dedicato a Saturno, dall'inglese.
Ma c'è anche da dire che il giorno del sabato viene ripreso anche dall'ebraismo: per gli ebrei, infatti, il sabato era ed è un giorno di festa, e veniva e viene chiamato Sabbath.
Anche le feste pagane vengono chiamate Sabbath, e il collegamento in italiano rende molto meglio, a mio parere.
Quindi, ci sta tutta che un giorno come il sabato venga considerato come un giorno di festa. :P
Detta questa, posso andare a dormire.
Buona vita!

n° 5
Giacomo J. Montana venerdì, 23 febbraio 2007

Contro il male piu' basso e abietto

CONTRO IL MALE PIU' BASSO E ABIETTO
Autore: Giacomo J. Montana


Viene narrato nella Bibbia, che tanto tempo fa, le persone venivano liberate dal male e dai demoni che dimoravano in esse con con una pratica che viene definita "esorcismo".

Nell'era contemporanea la parte più rilevante del male si manifesta ancora attraverso i personaggi più avidi di potere, che vogliono accumulare ricchezze facili, RAGGIRANDO E AFFAMANDO SEMPRE PIU' IL POPOLO, CONTRAVVENENDO PERSINO AI COMANDAMENTI DI DIO.

Per fermare queste devianze psichiche, esercitate da soggetti malefici è necessario l'intervento di una parte di quegli stessi cittadini, che vengono mantenuti vittime del potere politico, fortemente degenerato dalla violenza, dallo sfruttamento, dalla corruzione e dal raggiro.

La legittima difesa è persino una spiritualità diffusa e compenetrata alla vita, la quale accoglie chi non si voglia arrendere a qualsiasi abuso di potere terreno, una linfa vitale irrinunciabile con la quale vengono valorizzate tutte le differenze utili, proprio perché l'umanità è naturalmente composta da facce di una stessa Unità.

Per la funzione utile a salvaguardarsi dalla rovina sociale, il fondamentale rimedio è quello di non fare mai venire meno questi tre variabili comportamentali:
1.) la necessaria forza di volontà nella meditazione;
2.) la vera fede in Dio;
3.) la coesione di un certo numero di cittadini che non vogliono essere trattati da pecore.

SI DICE CHE: "NESSUNO E' STATO CREATO PER SERVIRE NESSUNO, MA TUTTI PER ESSERE ASSIEME PARTE DEL GRANDE ORDINE UNIVERSALE"

LA VITA DIGNITOSA E L'ARMONIA, SONO DI TUTTI.

Questa è la regola fondamentale per coloro che vogliono avvicinarsi alla medicina della vita: l'armonia interiore, la salute e la pace in equilibrio con la sopravvivenza e la felicità. Nessuna barriera è giustificata, se divide gli esseri umani, mettendo gli uni contro gli altri.
Chi la pensa così può ben dire a testa alta: "ANCH'IO SONO SISUISTA!"
http://www.48agimurad.blogspot.com

CORDIALI SALUTI E GRAZIE. Giacomo

n° 4
nika domenica, 19 luglio 2009

R: Contro il male piu' basso e abietto

ma perfavoreeeeeeeeeeee la chiesa ha scopiazzato qua e là per "creare" la sua legge perfetta!!!!!! e ora noi poveri pagani dobbiano restare nell'ombra per colpa di voi cristiani!!!! avete rovinato intere culture, avete strerminato intere popolazioni solo per credevano in qualcosa di diverso!!!! bravi complimenti io adesso farei passare a voi quello che hanno passato loro!!! ma guarda un po'

vanessa domenica, 2 maggio 2010

R: R: Contro il male piu' basso e abietto

è molto interessante come sito e secondo me dovrebbero saperlo tutti queste cose, solo che l'ignoranza di una persona contagia tutti come una specie di pecoraggio

Dionisio Tramontano martedì, 14 novembre 2006

Assistente Farmacista(Copenaghen)

È vero quello che scrivi,documentato e attestato. Le feste pagane non sono altro che un'occasione per arricchire i commercianti, impoverire
i lavoratori, attentati alla salute e false dimostrazioni d'amore attraverso lo scambio di regali... ma l'odio continua!

n° 3
giovanni7 domenica, 12 dicembre 2010

R: Assistente Farmacista(Copenaghen)

Praticamente ,noi oggi,siamo pagani perchè adoriamo il Dio Sole i primi ominidi.Mi viene da ridere,quando vedo in televisione autorevoli professori che si dicono credenti,si credono nel Dio Sole che illumina le nostre giornate

Fera venerdì, 22 settembre 2006

Mi piace...

..quest'andazzo che sta prendendo la sezione relax! Fate bene, ampliare un po'le conoscenze è sempre una buona cosa, così come lo è scoprire da dove arriva la nostra cultura...

n° 2
Chiudi
Aggiungi un commento a Le feste pagane riciclate dalla Chiesa...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
  • Pubblica su Facebook:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 2:
1 2 > »