1 5

Conosci bene la tua vagina? Tutto quello che c'è da sapere

Conoscere se stesse anatomicamente è molto importante anche per una vita sessuale soddisfacente

Vagina com'è fatta: tutto quello che c'è da sapere - La vagina è il canale muscolo-membranoso che si estende dagli organi genitali esterni (vulva), all’utero e che riceve il pene durante il rapporto sessuale. Ha una lunghezza media, misurata dall’orifizio vaginale al collo dell’utero, di 6-7 cm, anche se le sue pareti interne, datane la conformazione, sono un po’ più lunghe. Non stupitevi se queste misure non corrispondono a quelle di un pene eretto: 

  • il pene non penetra mai completamente nella vagina 
  • la vagina è sia molto elastica che estensibile e arriva facilmente ad allungarsi di 3-4 cm

E ora andiamo a toccarla da vicino nel vero senso della parola. Sì, avete capito bene... Lubrificatevi due dita con un po’ di saliva e introducetele nella vagina. Incominciate a tastarvi delicatamente ma facendo un po’ di pressione: ogni donna ha diverse e differenti zone erogene interne (alcune sono sensibili solo nella zona esterna, altre in quell’interna, altre ancora in tutta la vagina). Restano, in ogni caso, zone di piacere che si possono definire standard. Se vi penetrate con il solo dito medio (palmo contro il basso), e con le ginocchia contro il petto, dovreste riuscire ad arrivare a sentire il termine della vagina, dove si trova l’apice del collo dell’utero o cervice, zona molto sensibile alla pressione. 

Vagina: 20 cose da sapere

Il cul-de-sac 

Proprio dietro la cervice, negli ultimi 2 cm della vagina, è posizionato il cul-de-sac, minuscolo passaggio del canale vaginale. Questa piccola zona è straordinariamente ricca di terminazioni nervose e sensibilissima al solo contatto tanto da poter creare orgasmi istantanei. Purtroppo è di difficile accesso: non vi è possibile raggiungerlo in quest’esplorazione.

Nella maggior parte di noi, il peso e la posizione dell’utero tendono a comprimere il canale vaginale che cela il cul-de-sac. Per questo è necessario sollevare l’utero e, in questa maniera, sorpassare la protuberanza terminale del medesimo che nasconde il cul-de-sac. Il pene può arrivare al vicolo cieco (traduzione), ma non può entrarvi se l’utero è abbassato. Invece, una volta alzato, l’utero si richiude sul pene - riuscendo addirittura a trattenerlo, e il cul-de-sac così raggiunto porta ad un orgasmo intenso e completo. L’utero si solleva quando eseguiamo contrazioni uterine e quando siamo molto eccitate. La sola eccitazione, tuttavia, non basta ad alzare abbastanza l’utero per scatenare la risposta orgasmica del cul-de-sac. Si tratta di acquisire la tonicità ed il controllo necessari a sollevare e appiattire l’utero durante il rapporto sessuale, così da distendere il canale vaginale ed aprire il passaggio del cul-de-sac alla penetrazione.

Dolore vaginale, le risposte della ginecologa

La vulva e la vagina. Esterno, partendo dall’alto sono visibili: 

 

  • il monte di Venere 
  • le grandi labbra 
  • le piccole labbra 
  • il clitoride: prepuzio glande frenulo 
  • il vestibolo della vagina 
  • l’orifizio uretrale 
  • l’orifizio vaginale 
  • il perineo 
  • l’ano 

Interno: 

  • l’utero: organo muscolare che accoglie il feto durante la gravidanza.
  • la cervice o collo dell’utero: parte inferiore dell’utero che protrude nella vagina. 
  • la vagina: canale muscolo-membranoso che accoglie il pene durante la penetrazione, si estende dalla vulva all’utero.

I muscoli pelvici 

Molto importanti per il piacere femminile sono i muscoli pelvici che determinano la forza vaginale. Per testare i vostri infilatevi un dito e provate a stringerlo con le pareti della vagina. Se non ci riuscite provate a pensare di trattenere la pipì, o ancora, provate a smettere di urinare una volta che siete in bagno. (nb.questo terzo modo è buono per individuare il muscolo pubococcigeo, non per allenarlo) Così facendo state contraendo i muscoli vaginali. Se questi muscoli sono deboli potreste avere problemi d’incontinenza e/o difficoltà a raggiungere l’orgasmo (è l’apparato pubococcigeo che rende possibili gli orgasmi interni). 

Ricordatevi che una vagina muscolarmente forte è una vagina che sente di più e questo perché: 

  • raggiunge l’orgasmo più facilmente e in maniera più forte e piacevole perché i muscoli che si allenano sono gli stessi coinvolti nell’orgasmo
  • stringendosi durante la penetrazione sentirà meglio il compagno perché potrà attirarne e stringere il pene (per l’uomo, infatti, la differenza sarà abissale)

 

gpt