strip1-sex
1 5

Sesso orale: come fare la perfetta fellatio

/pictures/20141003/sesso-orale-come-fare-la-perfetta-fellatio-2719043579[4088]x[1703]780x325.jpeg

La guida pratica definitiva, ragionata e approfondita sul sesso orale nel mondo della sessualità maschile, con tanti consigli utili per capire come fare la perfetta fellatio

A cura di Brenn

Partiamo da una premessa: nessuna guida al sesso orale sarà tanto ampia e complessa quanto la vostra esperienza, ma cercheremo comunque di svelare insieme i segreti della sessualità maschile per fare una perfetta fellatio, i trucchi per farlo urlare dal piacere e gli indizi sul funzionamento del piacere maschile. Quelli che seguono sono solo consigli da cui partire, poi è la fantasia personale a fare tutto il resto!

Quando e dove farlo? Sicuramente il vantaggio di questa pratica sta nell’estrema versatilità: si può fare ovunque, in qualsiasi situazione, basta appartarsi un po’. Se volete aumentare ancora di più l’eccitazione, non deve mai essere “prevedibile”, il vostro lui non deve pensare che state per farglielo …se sarà “a sorpresa”, vedrete come si ecciterà in pochi secondi!” . Giocate con le posizioni migliori per il sesso orale!

Sesso orale: ma a lui piace farlo?

La posizione migliore? Non ce n'è è una in assoluto migliore, ma l’uomo seduto o in piedi sono le più classiche e quelle che permettono più libertà alla donna nello stimolare l’uomo. La vostra opera comincia spogliandolo delicatamente, sbottonando e massaggiando la zona nel mentre, guardandolo facendogli capire quanto vi piace quello che state per fare… fino a ritrovarvi il suo pene davanti....e se, nonostante tutto la vostra opera preparatoria, è ancora in fase di riposo: succede, non sentitevi delle fallite. Pensavate di avere subito la pappa pronta? Quindi mettevi all’opera per eccitarlo: a un pene non in erezione si può far ben poco. Non fate quella faccia sbigottita, su, non è la prima volta vero? Niente commenti sarcastici (“aspetta che prendo gli occhiali”), date baci in tutta la zona, sul glande e lungo l’asta e usate colpi di lingua…vedrete come apprezzerà e tornerà sull’attenti! Non parlate, o per reazione salterà tutte le prossime fasi preliminari e otterrà il silenzio impegnando la vostra bocca.

Ora, una volta che il pene è eretto, si può cominciare l’opera. Non tuffatevi ingorde come se foste state prese da una crisi di astinenza. Nessuno vi corre dietro, lo scopo non è farlo venire velocemente, ma soprattutto dargli piacere nell’atto. Quindi, quando viene, non alzatevi urlando “evvai, nuovo record, 24.5 secondi, sono mitica”. E mai interrompere a metà per andare a fare altro. Non si lascia mai a metà un uomo, visto che una volta eccitato deve arrivare alla conclusione, altrimenti rimane davvero insoddisfatto. Il meccanismo del piacere si basa proprio sull’orgasmo, a differenza della donna che prova piacere anche se non ci arriva. La vendetta sul vostro peluches preferito è il minimo che possa accadere come conseguenza. Dovevate pensarci prima di iniziare se non volevate finire.

Masturbatelo lentamente, guardandolo, per poi, sempre con sguardo sensuale e malizioso, prendere in bocca la parte superiore del pene, usando molta saliva e lingua. I denti sono vietati. A meno che non dobbiate vendicarvi. E sono certo lo fareste, ma quanto sapete essere sadiche eh? ;) A questo punto, avete a disposizioni infinite tecniche e varianti, sta a voi capire e divertirvi a usare quella che preferite. Non dovete semplicemente andare su e giù, tanto valeva usare la mano. Dovete usare la lingua, e succhiare (ma solo dopo aver lubrificato bene con la saliva) quasi ermeticamente mentre tornate su: gli darete un forte piacere così. Si può usare la mano per masturbarlo nel mentre, in modo sincrono con i movimenti della bocca. Con delicatezza, non deve sembrare una mano in preda a una crisi nervosa. L’importante è che andando giù scopra ancora di più la cappella. Il ritmo deve essere deciso, ma non troppo veloce, perché può far male o comunque dar fastidio, né lento, che altrimenti prima che venga vi sarete slogate la mascella. E poi al pronto soccorso che raccontate al medico? 

Come te la cavi con il sesso orale?

La sessualità dell’uomo è principalmente visiva, quindi lasciatevi guardare, non imbarazzatevi! Offrite voi stesse la miglior angolazione per far godere al vostro lui la viste delle vostre abilità in azione. Il solo guardarvi all’opera lo ecciterà ancora di più. Dovete dargli l’idea che vi piaccia proprio, non che gli stiate facendo un favore. Dovete alternare tecniche molto stimolanti (classico) a tecniche che stuzzicano in maniera più lieve, come dare colpi di lingua sul glande, che è la parte più sensibile. Ma non dovete cambiare troppo velocemente tra l’una e l’altra, che poi vi prende un tic e continuerete a eseguire movimenti anche a casa a cena. Quindi leccare l’asta del pene, il glande, colpetti di lingua, o fare cerchi sul glande stesso: gli darete una sensazione unica, un eccitazione immensa! Attenzione però che è una parte molto sensibile, si passa facilmente dall’eccitazione al fastidio. Parlatene con lui per capire cosa gli piace di più.

Sesso orale: i consigli da un uomo

 Quanto bisogna andare giù? Non c’è una risposta univoca, tutte le varianti sono belle e saranno apprezzate. La più eccitante è sicuramente rimanere solo sulla cappella facendo piccoli movimenti e succhiando forte. Si dice che stimoli il Punto L, una specie di Punto G maschile. Questa tecnica dà grande eccitazione e stimolazione. Se invece volete dare una stimolazione più “forte”, o semplicemente vi siete stancate e non ne potete più (dai, su, non c’è niente di male ad ammetterlo), allora passate a movimenti più lunghi, fino alla metà, tanto da assomigliare come tecnica alla masturbazione… ma c’è il non plus ultra della stimolazione della lingua e della bocca.

 Per chi invece vuole cimentarsi nel famoso deep, ovvero prendere tutto il pene in bocca, occhio che servono allenamento e posizioni adeguate. Senz’altro piacevole per l’uomo, ma non improvvisatevi da un giorno all’altro aspiranti gole profonde.

Tutta qui la stimolazione del maschio? No, perché, da esperte artiste dell’arte, sapete che i suoi punti erogeni sono anche altri. Mai dimenticarsi dei testicoli, che vanno massaggiati, accarezzati, anche con forza. Ma attenzione, è facile passare dal piacere al fastidio o addirittura al dolore. Dalle sue espressioni capirete. I testicoli sono i vostri più cari amici nella fellatio perfetta, mai da dimenticare (ma neanche nella penetrazione andrebbero dimenticati, se possibile stimolarli!). 

Fellatio: perchè agli uomini piace tanto?

Inoltre c’è la famosa stimolazione della prostata, ma qui si va da uomo a uomo: c’è chi è predisposto a tale pratica e chi la nega a priori. In cosa consiste? Ci sono 2 modi per stimolarla direttamente, e avendo due mani, potete anche eseguirli entrambi. Premere sul perineo in maniera forte, ovvero nella zona che c’è tra l’ano e i testicoli, massaggiando con vigore. Oppure, udite udite, inserire un dito nell’ano, per qualche centimetro, massaggiando la parete oltre la quale c’è appunto la suddetta prostata. Prima di avventurarvi in quest’ultima tecnica, assicuratevi che il vostro uomo gradisca, magari giocandoci intorno prima di entrare, altrimenti ci guadagnerete una fulminata d’odio. 

E la stimolazione passiva cosa è? I ruoli si invertono, la donna sta ferma, ed è l’uomo a gestire ritmo e profondità. Come se, appunto, stesse facendo sesso con la bocca invece che con la vagina. E’ una pratica molto eccitante per l’uomo, poiché coniuga il piacere delle sensazioni della fellatio con il senso di dominazione e possesso. Certo, ci vuole intesa: preso dall’eccitazione l’uomo potrebbe andare troppo in profondità rispetto a quanto vorreste, o quasi soffocarvi, ma con un po’ di allenamento si può arrivare alla giusta intesa.

E quando viene? Avete diverse opzioni: fazzolettino o venuta fuori, se proprio siete in macchina o lo sperma vi fa tanto schifo che preferireste mangiare aglio.  Venuta in bocca: sicuramente l’opzione più apprezzata, perché avviene mentre è in atto la stimolazione, ma anche per motivi psicologici. E ora? Sappiamo che di certo non saprà di fragola, però se volete dare il massimo, l’ingoio sarà sicuramente apprezzato dal vostro uomo. Se proprio non ci riuscite, non sputatelo come se avete bevuto della benzina. Piuttosto fatelo colare lentamente dalla vostra bocca, guardandolo sensualmente e maliziosamente. Si scorderà completamente che non avete buttato giù. 

Gli errori da non fare nel sesso orale

Venuta in viso: di certo l’opzione meno gradita alle donne. A differenza di quanto pensano i maschi, le donne non sono così felici ed entusiaste di ricevere sperma sul viso. Però a molti maschi eccita questa visione, ogni tanto potete farlo. L’importante è che non aspettiate che sia lui a decidere: prendere l’iniziativa voi, senza aspettare che lo faccia lui…vedrete come apprezzerà. 

Se non conoscete il vostro partner, è buona regola usare protezioni, come preservativi. Le malattie si trasmettono anche per via orale. Se usate preservativi ritardanti, abbiate l’accortezza di metterli nel verso giusto. Vi immaginate andare all’ospedale con la bocca semi aperta e anestetizzata e dover spiegare cosa è successo?