gpt skin_web-sex-0
gpt strip1_generica-sex
gpt strip1_gpt-sex-0
1 5

Curiosità sulla sessualità femminile

Sapevate che la donna è molto più predisposta agli orgasmi rispetto all'uomo? E che l'orgasmo fa da ansiolitico? Il dottor Vincenzo Puppo ci illumina su queste e altre curiosità sulla sessualità femminile

A cura di Antonella Marchisella

 

Dottor Puppo che cosa ci può dire brevemente sugli orgasmi multipli? 
Ormai è stato dimostrato che le donne possiedono una capacità orgasmica superiore a quella dell’uomo, infatti non presentano un periodo refrattario dopo ogni orgasmo (come invece accade nei maschi): possono provare orgasmi multipli (in alcune donne multiorgasmiche è stato riscontrato un incremento dei livelli di ossitocina) e il cosiddetto “stato orgasmico”, cioè un orgasmo prolungato o più orgasmi ravvicinati, che può durare diverse decine di secondi. Questo è forse possibile sia per la facilità di mantenere a lungo la posizione orgasmica del pene femminile con una stimolazione continua, sia per la facilità con cui il glande può essere mantenuto (molto più facilmente dell’uomo) in stato di eccitazione anche senza un evidente aumento delle sue dimensioni (potrebbe essere una delle cause dell’assenza o del brevissimo periodo refrattario nelle donne), con una più facile recettività dei corpuscoli di Krause-Finger.

gpt native-middle-foglia-sex
Ci può essere uno stato super-orgasmico?

Devo dire che alcune donne, pervenute alla mia osservazione, riferiscono di aver provato sensazioni ancora più intense dello “stato orgasmico”, che non duravano solo alcune decine di secondi, ma si protraevano per diversi minuti continuamente senza alcuna interruzione; non solo, se il partner interrompeva la stimolazione loro si opponevano e pretendevano che lui continuasse. Questa condizione si potrebbe definire “stato superorgasmico”; chiaramente essendo soltanto pochi casi per ora, sono necessarie ulteriori indagini e anamnesi sessuologiche più dettagliate, dovranno essere effettuate quando si intervistano le donne in ambito medico e non (questionari ecc.), per capire meglio l’orgasmo femminile in tutte le sue componenti

 

LEGGI ANCHE: Sessualità e intimità


Che cos’è il pene femminile? 
Il pene femminile è la struttura erettile corrispondente al pene maschile, è l’organo del piacere della donna. Le differenze con il pene maschile sono: 
- le dimensioni più piccole; 
- “l’assenza” dell’uretra esterna.
È evidente che le strutture erettili della donna sono le stesse di quelle maschili e che il clitoride è solo una parte del pene femminile, per cui si può parlare oggi di un organo erettile unico costituito da : 
1) I corpi cavernosi del clitoride o del pene femminile.
2) Il corpo spongioso del pene femminile, con: 
    a) i bulbi del clitoride o del pene femminile; 
    b) il corpo spongioso propriamente detto; 
    c) le piccole labbra; 
    d) il glande del clitoride o del pene femminile.
3) Il corpo spugnoso dell’uretra.

E’ vero che l’orgasmo può avere effetti benefici in stati ansiosi? 
L’orgasmo è stato considerato anche un “ansiolitico” efficace e naturale e costituirebbe il “farmaco” degli individui in buona salute.


LEGGI ANCHE: Le fantasie sessuali femminili

 

Che cos’è la piattaforma orgasmica? 
Masters e Johnson hanno osservato anche un’altra reazione costante nelle donne: con l’eccitazione sessuale si riscontrava un’evidente vasocongestione nel “terzo esterno” della vagina che fu denominata “piattaforma orgasmica”, con restringimento dell’orifizio vaginale, e poi contrazioni a questo livello durante l’orgasmo.

Che cosa ci può dire brevemente circa l’eiaculazione femminile? 
Ci sono donne che riferiscono di eiaculare o di avere questa sensazione durante l’orgasmo (ma forse sono molte le donne che emettono del liquido, che non è urina, all’orgasmo e non se ne accorgono perché, specialmente se non hanno mai fatto gli esercizi di Kegel, potrebbe uscire senza schizzare), però ancora non è stata chiarita l’effettiva composizione del fluido eiaculato (come nel maschio, sembra presente anche il PSA o antigene specifico prostatico), per cui sono necessarie ulteriori indagini biochimiche e cliniche.Quindi dovranno essere effettuate anamnesi sessuologiche mirate anche su questo argomento, perché difficilmente le donne riferiranno spontaneamente questa loro reazione: l’eiaculazione femminile è poco conosciuta e quindi è facile credere che non sia normale, sicuramente molte donne non lo riferiscono perché si vergognano (e si preoccupano) di eiaculare o di emettere del liquido che non è urina all’orgasmo. Bisogna invece tranquillizzare le donne e spiegare (anche ai maschi) che questa è una reazione fisiologica, quindi normale, che può verificarsi anche durante l’orgasmo femminile e di cui non bisogna vergognarsi.

gpt native-bottom-foglia-sex
gpt inread-sex-0
gpt skin_mobile-sex-0