• Controllo utente in corso...
NAVIGA IL SITO

Incesto: due fratelli si amano per anni

Un caso di incesto che non è passato in sordina: una ragazza confessa di aver avuto per anni una storia di sesso con il fratello. Entrambi erano consenzienti, lei dice di non essersi pentita e di non provare sensi di colpa

di Redazione GirlPower 4 maggio 2013

A cura di Lucia D'Addezio

 

Il TimesOnline ha riportato una storia-confessione che per molti sarà difficile da comprendere. Una ragazza ha raccontato alla testata britannica di avere avuto una relazione sessuale e sentimentale consenziente, durata diversi anni, con suo fratello. 

La ragazza parla di suo fratello Daniel (nome di fantasia) come del suo più grande e sincero amore. La loro era stata una normale relazione tra fratello e sorella fino a quando lei non ha compiuto 14 anni. Fino ad allora il loro rapporto era di grande affetto e intimità ma sempre all’interno dei canoni tradizionali di un amore fraterno. Cresciuti insieme, con pochi anni a separarli l’uno dall’altra, con gli stessi amici e le stesse frequentazioni, presto hanno visto la loro relazione evolvere spontaneamente in qualcosa di più. 

Una sera Daniel era uscito mentre lei era andata a dormire perché molto stanca e assonnata. A tarda notte la ragazza sente qualcuno entrare nella sua camera buia, suo fratello. Daniel si infila nel suo letto, cosa che spesso aveva fatto negli anni precedenti, quando si chiudevano in camera insieme a spettegolare e parlare di tutto. Questa volta sarebbe stato tutto diverso. Daniel inizia ad accarezzarle i capelli, a baciarla sul collo, a mettere la mano delicatamente sotto la sua camicetta. Lei è stordita, non capisce nulla ma non ha paura. “Non ero spaventata ma solo sorpresa che lui mi stesse accarezzando così, le sensazioni che mi stavano attraversando erano comunque di assoluto piacere. Istintivamente ho avvicinato la mia bocca alla sua e mi ha baciato. Dopo mi ha abbracciato forte ed è uscito.”

 

LEGGI ANCHE: COME FARE SE I TUOI GENITORI SONO SEVERI?

 

Potrà sembrare strano sentir raccontare una vicenda del genere con totale franchezza e candore. L’incesto viene spesso immediatamente connesso ad episodi di violenza in famiglia, ad adulti che obbligano membri giovani della famiglia, addirittura bambini, ad avere rapporti sessuali contro la loro volontà, facendo leva su paure, ingenuità, fragilità. Questo caso viene invece narrato come un mutuo desiderio di fisicità, come la normale e diretta evoluzione di una relazione tra un fratello ed una sorella quasi coetanei. La cosa che stupisce di più è la certezza della ragazza protagonista della storia di non aver fatto nulla di strano e di non essere una persona immorale.

Dopo il primo approccio fisico nessuno dei due aveva provato pentimento. “Io non sentivo di aver fatto qualcosa di sbagliato e di certo non mi sono sentita obbligata a fare qualcosa che non desideravo. Quella notte mi sono riaddormenta solo dopo diverse ore, sicura di due cose: che mi era piaciuto e che adoravo ancora di più mio fratello.” Con il passare del tempo gli approcci sessuali si erano ripetuti fino a culminare in un rapporto completo, quando la ragazza aveva 17 anni. “Entrambi siamo sempre usciti con altre persone, non c’è mai stata nessuna gelosia, nonostante per me fosse difficile diventare ‘intima’ con un altro ragazzo. Il sesso tra noi non era mai pianificato, semplicemente accadeva quando non c’era il rischio di essere scoperti.”


LEGGI ANCHE: SUICIDARSI A 15 ANNI

 

Daniel adesso è sposato. Quando disse a sua sorella di essere innamorato di un’altra donna, Allison, e di volerla sposare, le cose sembrarono essere sul punto di prendere una direzione che difficilmente sarebbe stata accettata dalla famiglia e da tutti gli altri. “Rimasi shockata - racconta la ragazza - quando Daniel mi disse: se non vuoi che io la sposi devi dirmelo ma a quel punto voglio che noi due stiamo insieme davvero, senza vedere nessun altro.” Il ‘sogno d’amore’ tra i due non poteva realizzarsi, per ovvie ragioni di ordine sociale, morale e probabilmente legale, e la storia si conclude con la ragazza che spiega di aver amato suo fratello, di aver fatto sesso con lui e di non esserne pentita. Per lei nulla di ciò che è accaduto fra loro può essere visto come qualcosa di perverso, disgustoso o violento: “Daniel ha un posto speciale e unico nel mio cuore e io ce l’ho nel suo. Questo non cambierà mai.”


Caricamento in corso: attendere qualche istante...

58
Commenti

Pagina 1 di 6:
1 2 3 4 5 6 > »
laura domenica, 4 settembre 2011

io sono contenta cosi

Ciao, io sono 13 anni che ho rapporti con mio fratello...ho iniziato a 14 e ora ne ho 27...lui ha un anno in meno.Abbiamo iniziato col gioco del dottore a 7 - 8 anni e a quei tempi tutto si limitava a visite visive o al massimo facendo finta di appoggiare lo stetoscopio usando un tappo o qualche aggeggio che avevamo per le mani in quel momento. Poi verso i 12-13 anni un giorno per sbaglio gliel'ho segato con qualche s.capp.ellata e gli è venuto duro e mi ha detto di continuare perchè gli piaceva molto...
Incominciammo cosi a giocare al dottore molto più spesso su sua richiesta, poi complice l'età e i discorsi che si cominciano a fare con i compagni di classe, nel giro di poco tempo tutto diventò un appuntamento quotidiano irrinunciabile.Nel frattempo anche lui cominciò a farmi carezze sempre più profonde e calorose fino a quando un bel giorno provammo ad avere un rapporto orale reciproco...ne sapevamo l'esistenza ma avevamo un pò schifo xchè da li si sa che esce la piscia...più che altro ero io ad avere schifo e rimandavo sempre sia lecarlo a lui che farmela l.eccare. I primi rapporti completi cominciai ad averli verso i 15 anni e da allora non abbiamo mai avuto momenti lunghi di pausa...abbiamo tutti e due avuto storie d'amore più o meno come tutti, ma quando riusciamo ad andare a letto insieme devo ammettere che è tutto fuorchè sesso...nel senso che si daccordo è sesso ma la situazione di amore e sentimento sincero che si percepisce è indescrivibile e da un senso di amore eterno e incondizionato...è un amore sincero e che non potrà mai scomparire o mutare come l'amore tra una coppia normale...praticamente ora a quest'età il sesso nudo e crudo è la minima parte di tutto il contesto che si crea quando andiamo a letto...è una cosa non semplice da spiegare e tentomeno in quattro righe come queste non si può raccontare quelllo che si è creato in quasi una vita. Io e lui in ogni caso non abbiamo pentimenti e siamo felici di come siano andate le cose e se un giorno ci dovessimo trovare soli e ci stufassimo di rincorrere l'amore come fino ad ora abbiamo già deciso di vivere insieme tutta la vita senza avere figli ovviamente prima che nascono dei handyccappati o chissà cosa. Anche per problemi di conflitto di interessi...alla fine è tutto nostro e non dobbiamo dare niente a nessuno di eredità quando uno dei due morirà.

n° 26
Matteo lunedì, 29 luglio 2013

R: io sono contenta cosi

Leggendo questi commenti mi è tornato alla mente un brevissimo ed unico contatto incestuoso avuto con mia sorella tantissimi anni fa. Lei aveva circa 15 anni in pieno furore ormonale, ed io solo 11 ma non troppo innocente perchè appassionato all'epoca dei fotoromanzi pornografici che nascondevamo nei campi tra amici. Beh successe che un pomeriggio a casa da soli mia sorella improvvisò un balletto mentre si denudava progressivamante sfiorandosi con una specie di foulard. Io guardavo moloto interessato anche se inconsapevole, e ci furono delle toccatine reciproche nelle intimità sessuali, che ricordo però a distanza di anni con perfetta lucidità. Non ho mai avuto rimorsi anzi è un ricordo decisamante piacevole, non ne abbiamo mai riparlato non si è mai ripetuto....mi piacerebbe sapere chi ha avuto esperienze simili. Ciao

Romeo venerdì, 3 agosto 2012

parere femminile

Ciao Laura,
se puoi, vorrei kiederti 1 parere femminile...
non sò sò se hai già letto qualke mio post, comunque x farla breve:
ormai da parecchi anni io e mia sorella facciamo finta ke non sia mai successo niente anke se questo a volte lo rimpiango tantissimo, ma nell'età adolescenziale fù proprio lei ad instradarmi in 1 crescendo di giochi altamente erotici e sensuali ke puntualmente si concludevano con 1 rapporto + o - completo.
Ecco xkè sia con la mia attuale fidanzata ke con quella precedente giochiamo dietro mia iniziativa a: "fratellino/sorellina" :-)
A volte xò vorrei "giocare" proprio con lei, specie quando mi racconta di aver sognato x tutta la notte ke faceva l'amore con me(non è capitato spessimo ma di tanto in tanto me lo riferisce).
Il problema è ke fui proprio io a indurla di smettere, e credo ke il motivo sia ke crescendo; iniziai a vergognarmi nel farle capire quanto mi piacesse.
Secondo te è troppo tardi x esprimerle il mio pentimento nell'averla rifiutata?

mario domenica, 18 settembre 2011

ma ke skifo tutti

kuello ke a i problemi kon i piedi di sua sorella maa amiko devi trovarti una rakazza al piu presto nn fare lo stronzo kon i piedi di tua sorella ke tra laltro e anke un cesso skommetto e tuu o mio dio dici di essere una kosa normale skopare kon il fratello maa unaltra kazzata e una kosa skifosa fare sesso kon la sorella o il fratello kome si dice la famiglia non si tokka e voi invece ve la tronbata haha maa kose delaltro mondo komukue ragazzi fatevi kurare tutti kuanti sekondo me avete tutti un problema enorme non e normale kuello ke fate vi diko la verita fate skifoo tutti kuanti brutti scarafaggi tiee

soloragionevolezza lunedì, 13 giugno 2011

Non è sbagliato

In teoria non ho nulla contro l'incesto, alzi la mano chi da adolescente non si è eccitato guardando la propria sorella o pensando alla madre. Non condanno mai il sesso, in ogni sua forma, fra persone consensienti, anche se nello stesso nucleo familiare. Mi sarebbe piaciuto praticarlo e senza entrare nei dettagli si sono verivicate delle volte in cui avrei potuto. Ma è intervenuta la ragione. Mi sono chiesto (ed è quello che dovrebbero fare tutti, in queste situazioni) "siamo sicuri che è sesso consensiente". Un fratello maturo, magari attarente, così come un padre o una madre ha un vantaggio notevole nei confronti di una sorella di una figlia/o. La sua posizione all'interno della famiglia. Una capacità di influenzare e condizionare le scelte non indifferente. Non pensate che chi esercita questa influenza commetta in ogni caso un abuso?

n° 25
crisi esistenziale domenica, 10 aprile 2011

ho bisogno di consigli

Questo è il mio grosso problema e già lo vedo un passo avanti quello di rendermi conto io stesso di non essere normale, di essere un maniaco pervertito che si deve curare. Infatti già mi sto curando, sto in terapia da uno psichiatra da un anno e mezzo, che mi fa prendere antidepressivi e gli incontri con lui li ho ogni tre settimane/un mese, al dipartimento di salute mentale dell'asl.
Arrivo al dunque, purtroppo e lo dico con molta rabbia in corpo, perchè è una cosa riprorevole, una cosa che mi piace e mi eccita particolarmente del corpo delle donne sono i piedi e fin qui niente di molto strano, perchè stanno uscendo allo scoperto molti feticisti dei piedi come me, anche se questa cosa comunque non è proprio normale. Il mio grosso problema però, del quale mi vergogno molto di me stesso solo a parlarne, è che mi piacciono in particolare i piedi di mia sorella, ho una sorta di morbosità nei suoi confronti e tra i miei desideri proibiti, ho quello di ricevere un footjob da mia sorella (il piacere che da la donna all'uomo con i piedi).
Con lo psichiatra non sono ancora arrivato ad affrontare questo problema, perchè in cura da lui sto anche per un male di vivere, da un'insoddisfazione di fondo verso me stesso, perchè mi sento debole di carattere, senza spina dorsale, vigliacco e infantile, alle volte mi viene il desiderio di scomparire.
Tornando al problema di mia sorella, so che se lei per assurdo dovesse acccontentarmi in questo mio desiderio di farmi godere toccandomi il cazzo con i suoi piedi, io non riuscirei più a guardarmi allo specchio e penso che mia sorella non sia affatto consensiente, come la protagonista di questa storia, a fare certe cose con me. Lei è una ragazza normale come tutte le altre, è felicemente fidanzata in casa da quasi cinque anni, è una ragazza sveglia che si sta per prendere una seconda laurea ed è piena di amici, è una ragazza matura e responsabile, giusta di cervello quindi e ultimamente sto anche avendo dei diverbi con lei perchè ogni tanto mi sta facendo qualche cazziata di non essere molto responsabile e non riuscire a fare molta attenzione ai bisogni degli altri, a quello che mi succede attorno e a capire le situazioni. Quindi penso proprio che non si sognerebbe mai di farmi godere con i suoi piedi e che se io mi permettessi solo di parlargliene, scatenerebbe una gran ira e comincerebbe a guardarmi con occhi diversi, con indignazione. Io invece non sono un gran che come persona, di cervello, ho ancora dei tratti infantili per i miei 28 anni, mia sorella ne ha quasi 26, io a differenza sua sono timido e non sono molto sveglio, non sono ben voluto dalle persone, sono un disastro nelle relazioni con gli altri, infatti ho pochi amici e non ho la ragazza, nonostante i miei 28 anni non l'ho mai avuta una ragazza, solo infatuazioni dai 23 anni, a quanto pare nessuna mi vuole, forse per questo ho queste perversioni.

Io non c'è la faccio più con questa situazione, per questo sto cominciando a non sopportare più mia sorella, ad avere scatti d'ira con lei, ma non per colpa sua, il problema è il mio, di questi desideri malati che ho nei suoi confronti, dei queli so già che lei non si sognerebbe mai di esaudirmi, facendo la figura di una persona che fa davvero schifo, solo se provassi a parlargliene. Con questa situazione in cui mi trovo, non c'è la faccio più, sono disperato, mai come adesso ho il desiderio di andarmene dai miei a vivere da solo, soprattutto per "mandare a fare in culo" mia sorella, anche per il suo bene, di non farle avere accanto un fratello perverso e disturbato, oltre a lei ho ancora un altro fratello. Quest'anno sembrava che questo mio desiderio di andarmene riuscissi a realizzarlo, si trattava di andarmene a vivere a Torino (io sono di Napoli), dove adesso vive un mio amico che si è trasferito li per studi, affittandosi un appartamento con altri tre coinquilini e purtroppo non è stato possibile, perchè parlandone con lui al telefono mi ha detto che i suoi coinquilini non mi vogliono perchè sono già in quattro, a quanto pare non c'è posto per me, volevo cercarmi un lavoro a Torino, facendomi mantenere da mio padre per i primi due mesi, ma purtroppo questa speranza di salvarmi, di provare a farmi una vita mia, è svanita.

Mi scuso di essere stato noioso scrivendo così tanto, spero mi rispondiate perchè ho bisogno di consigli, su questa brutta situazione in cui mi trovo, diventata per me insopportabile e molto snervante, della quale non ne ho parlato neanche ai miei genitori per non turbarli, perchè mi sono fatto vedere sempre sano di mente e soprattutto ho un amor proprio e un orgoglio.

n° 24
Romeo venerdì, 3 agosto 2012

non sottovalutarti in questo modo...

...come dicevo ad Eric ho letto il suo post e 1 pò mi sono rispecchiato in lui...
Nel senso ke ank'io adoro i piedi femminili e non perdo occasione x prendermene cura, MOLTO probabilmente xkè mi ricordano quelli di mia sorella nonkè i giochi ke lei mi induceva a fare con mio sommo piacere! Ormai da parecchi anni facciamo finta ke non sia mai successo niente anke se questo a volte lo rimpiango tantissimo, ma nell'età adolescenziale fù proprio lei ad instradarmi in 1 crescendo di giochi altamente erotici e sensuali ke puntualmente si concludevano con 1 rapporto + o - completo.
Ecco xkè sia con la mia attuale fidanzata ke con quella precedente giochiamo dietro mia iniziativa a: "fratellino/sorellina" :-)
Non mi sento affatto 1 sfigato, anzi sono xfettamente integrato nella società, e poi i miei amici non avranno questa "perversione" ma ne hanno altre ke a me non piacciono (quindi non vi è nulla da vergognarsi).

Stella sabato, 19 maggio 2012

R: ho bisogno di consigli

Beh, diciamo che fai benissimo ad andare in terapia. E' il primo passo per affrontare il problema. Quando parli di fantasia non c'è nulla di male, ognuno di noi ha una perversione, ma il fatto che tu ti renda conto che fantasia è e tale deve rimanere, è un buon segno che denota che non sei uno squilibrato. Certo, questo desiderio e il fatto che si tratti di un desiderio MORBOSO sono segno di problemi, di disagi, e forse è su questo che devi lavorare. Probabilmente c'è qualcosa che ti fa stare male, che ti erode dentro e che ti spinge ad evadere cercando l'estremo, l'impossibile. Non devi condannarti per questo, ma soltanto lavorare su quel vuoto che ti affligge. Probabilmente trovarti un lavoro, avere una tua autonomia e sopratutto UNA DONNA AL TUO FIANCO, sarebbero passi importanti per risolvere le cose. Ma non è l'unica strada. Per trovare la serenità devi lavorare su te stesso, accettare le tue fantasie senza ripudiarle, ma comprendendo che sono "belle" appunto finché restano fantasie. Puoi pensare quanto vuoi, il pensiero non fa del male, ma devi anche essere consapevole che nella vita reale hai bisogno di altro, non dei piedi di tua sorella, ma di qualcuno che ti ami e ti rispetti per quello che sei.

eric giovedì, 22 dicembre 2011

R: ho bisogno di consigli

Ciao. Io ho la tua stessa passione per i piedi ma dopo una breve terapia,ho subito ricordato che fu proprio mia sorella ad iniziarmi a questa cosa.Riflettici e se ci riesci parlaci pure con lei.Potresti rimanere sorpreso dalla voglia di tua sorella di aiutarti a venirne fuori.

Romeo venerdì, 3 agosto 2012

xkè ricorrere ad 1 terapia???

Ciao Eric ho letto il tuo post e 1 pò quanto mi sono rispecchiato in te...
Nel senso ke ank'io adoro i piedi femminili e non perdo occasione x prendermene cura, MOLTO probabilmente xkè mi ricordano quelli di mia sorella nonkè i giochi ke lei mi induceva con mio sommo piacere a fare...
ormai da parecchi anni facciamo finta ke non sia mai successo niente anke se questo a volte lo rimpiango tantissimo, ma nell'età adolescenziale fù proprio lei ad instradarmi in 1 crescendo di giochi altamente erotici e sensuali ke puntualmente si concludevano con 1 rapporto + o - completo.
Ecco xkè sia con la mia attuale fidanzata ke con quella precedente giochiamo dietro mia iniziativa a: "fratellino/sorellina" :-)

siamo alla frutta... mercoledì, 27 luglio 2011

parlane con lei

...lo so che non è facile, ma non serve allontanarsi (peggiora solo le cose nel senso che la mancanza si sentirà sempre di più), prova a parlarne con lei...magari capirà! Oppure riderà o forse si sentirà sollevata chissà! P.s. anch'io adoro i piedi di mia sorella eppure lei dice che sono bruttissimi...

???? venerdì, 10 giugno 2011

R: ho bisogno di consigli

ciao già il fatto di rendersi conto di aver un problema è stato molto coraggioso...secondo me il tuo problema è quello di avere poca fiducia in te stesso, secondo me devi ricominciare la tua vita da 0. Perché nonti trasferisci e te ne vai all'estero?? puoi andare tipo in spagna, ricominci la tua vita, fai nuove amicizie...a volte andare via e cambiare aria aiuta molto! poi il fatto di ricominciare da solo in un posto nuovo può solo aiutarti a darti più fiducia. Poi per il discroso ragazze...non so se sei bello o brutto fisicamente, al massimo vai da un parrucchiere e cambia stile di vestiti.l'aspetto conta e soprattutto il carattere, quindi non mostrarti complessato e viviti la vida e lascia i tuoi problemi nella tua stanza! Spero apprezzerai il mio consiglio. saluti

anna martedì, 22 marzo 2011

Non è sbagliato fino ad un certo punto...

Sono d'accordo che se due persone si amano divrebbero stare insieme anche se consanguinei, l'amore non ha VERAMENTE barriere finchè non crea del male. Infatti se ci fosse la possibiltà che il figlio nasca con qualche malattia, i due innamorati dovrebbero stare insieme legalmente ma senza procreare.Questo e tutto.Invece, se i fratelli sono adottivi io non metterei, personalmente, nessun limite.

n° 23
stellastellina^^ lunedì, 20 settembre 2010

non c'è niente di male

secondo me non c'è nulla di male, si amavano come si possono amare due persone che non sono parenti, il problema magari nasce quando si vogliono avere figli ^^

n° 22
Chiudi
Aggiungi un commento a Incesto: due fratelli si amano per anni...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
  • Pubblica su Facebook:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 6:
1 2 3 4 5 6 > »