• Controllo utente in corso...
NAVIGA IL SITO

Estate: gioielli a go-go

Anche nelle ultime sfilate milanesi le passerelle erano un tripudio di gioielli. E allora, con la bella stagione, è arrivato il momento di sbizzarrirsi con i bijoux. In primo piano la collana: lunga, appariscente, colorata.

di Rosaria Di 15 maggio 2008

collaneDalle ultime sfilate milanesi in passerella i gioielli tornano grandi protagonisti, tanto da valorizzare ancor di più le nuove mise. Il gioiello, nell'arco dei secoli, si è intimamente legato con la storia del costume e della società del proprio tempo subendo stravolgenti evoluzioni nelle tipologie, nelle simbologie e nel valore. I ruoli che ha assunto con il passare del tempo sono vari e differenti, da simbolo di magia a esibizione di potere, da valore affettivo ad appartenenza ad una determinata classe sociale, fino a divenire, nei giorni nostri, semplice accessorio decorativo o oggetto di sperimentazioni artistiche

Nella moda, i gioielli, fanno il loro ingresso nel momento in cui s'iniziano a scoprire braccia e spalle. Negli anni Venti del 900 la moda garçonne conquista l'Europa, la donna porta i capelli corti, ha forme efebiche, il seno cancellato ma braccia e spalle sono ingioiellate con speciali invenzioni da oreficeria. 

Anche nell'equilibrata moda degli anni Trenta i gioielli primeggiano, sostituiti in seguito da lunghi guanti

Per questa primavera/estate sono sfaccettate le proposte dove splenderanno differenti gioielli, da quelli sobri e semplici a quelli più massicci e colorati. Sulle passerelle milanesi si è visto un po' di tutto. Collane, orecchini, anelli, bracciali ornano l'abito rendendolo prezioso e importante. Nota importante da sottolineare è che, per la maggior parte, sono oggetti di bigiotteria e questo vuol dire che sono alla portata di chiunque. La perfezione nella lavorazione, e il colore vivo rendendo il gioiello simile a quello vero, mentre in realtà si tratta solo di pietre dure semipreziose. 

I colori sono naturalmente quelli dell'estate, dal bianco all'azzurro al rosso, per chi non ha la possibilità di acquistare l'intera parure, l'importante è sempre scegliere la collana, lunga e importante, capace di distogliere l'attenzione anche dall'abito. La lunghezza dev'essere di almeno 70 cm da portare senza il doppio giro ma lunga sul petto, la scelta delle pietre è molto personale, anche se è bene non sceglierla in colori troppo contrastanti con il resto dell'abbigliamento.

collana

Il bianco è ovviamente il colore per eccellenza che si abbina con maggiore facilità, come l'agata bianca a grosse boule concatenate, oppure la pasta di turchese, che ai profani può apparire vero turchese, magari alternato a piccoli monili in argento, oppure per il rosso la pasta di corallo, e non il corallo, oppure il bambu, a tronchetti. Assolutamente vietati sono i ciondoli, quindi da scegliere è solo la collana. 

Anche gli orecchini sono passati in secondo piano, anche se non sono del tutto scomparsi, magari delle monachelle non sono mai di troppo, ma attenzione a non eccedere. 

Gli anelli devono essere rigorosamente esagerati, e deve esserne indossato solo uno, per mano, la pietra dev'essere abbinata allo stesso colore della collana. 

anello

Il bracciale, invece, fa un ritorno trionfale, grandi bracciali con pietre colorate, per attirare l'attenzione, mentre sono da evitare la serie di bracciali, sette o otto, portati per polso. Se indossiamo il bracciale l'orologio dovrà essere indossato dall'altro polso. È importante però tenere sempre presente il senso della misura, perché se si eccede si rischia di diventare troppo pacchiane. 

Per chi invece ama davvero poco i gioielli almeno una collana, in agata bianca o in onice nero dev'essere acquistata per non essere out. È preferibile indossarle su lunghi caftani, o abiti di seta, o gonne un po' zingaresche: da evitare assolutamente se si indossa un abbigliamento sportivo. Possono essere acquistate non solo in bigiotteria ma anche nei mercatini, e il prezzo non è affatto inaccessibile, basta un po' cercare, magari anche sulle spiagge. 

Ovviamente è bene tenere distinti i veri gioielli, magari con turchese vero incastonato, dalla più comune pasta di turchese, perché varia essenzialmente anche il prezzo, quindi sempre attenzione ai falsi, che sono sempre in agguato. Regola fondamentale è riporli assolutamente all'inizio dell'inverno, perché assolutamente vietati, quindi è bene sbizzarrirsi ora che la stagione è appena iniziata.


Caricamento in corso: attendere qualche istante...

1
Commenti

robygirl87 giovedì, 15 maggio 2008

nn vedo l'ora

deliziooooooooooosi ^-^

n° 1
Chiudi
Aggiungi un commento a Estate: gioielli a go-go...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
  • Pubblica su Facebook:
* campi obbligatori