gpt skin_web-moda-0
gpt strip1_generica-moda
gpt strip1_gpt-moda-0
1 5

Guida pratica all'uso della piastra

/pictures/2017/02/16/guida-pratica-all-uso-della-piastra-2244492741[892]x[372]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-moda

La piastra è uno degli strumenti più amati dai noi ragazze per allisciare, ma anche per arricciare i capelli. Ecco una guida per imparere come usare la piastra senza rischi per le nostre chiome

Come usare la piastra: la guida pratica

Se facessimo un velocissimo sondaggio e domandassimo quante ragazze non possono proprio fare a meno della piastra, siamo certe che neanche una di noi resterebbe con la mano abbassata. Eh sì, perché questo strumento, utile per allisciare, ma anche per arricciare i capelli, è uno dei più amati da noi ragazze. Quando partiamo è la prima cosa che mettiamo in valigia, anche prima di cellulare e trucchi e se, malauguratamente, la dimentichiamo a casa, la crisi di nervi è inevitabile. La piastra, insomma, dà una sorta di dipendenza ad ognuna di noi: una volta usata non riusciamo più a farne a meno. Il problema, però, è che spesso finiamo per abusarne, fino a rovinare e bruciare i nostri capelli. Cosa dobbiamo fare, allora, per utilizzare la piastra tanto amata, senza rischi per la nostra chioma? Ecco una guida in cui ti spieghiamo come, quando e che tipo di piastra usare per i tuoi capelli.

Cosa fare con i capelli rovinati dalla tintura

Come usare la piastra per capelli senza rovinarli

Partiamo proprio dalla domanda che più tormenta noi ragazze e cioè: “La piastra rovina i capelli?” La risposta è “no, se usata nel modo giusto”. E cosa si intende per “modo giusto”? Per prima cosa è importante utilizzare dei prodotti specifici prima di sottoporsi allo styling con la piastra. Puoi ad esempio utilizzare uno shampoo e un balsamo nutriente e specifico per capelli da mettere in piega e applicare sui capelli un prodotto che protegga il cuoio capelluto dal calore, prima di procedere all’asciugatura con phon e piastra. Utilizzare la piastra nel modo giusto, come accennato prima, significa anche non abusarne: non serve ad esempio passare e ripassare la piastra sulla stessa ciocca per 4 o 5 volte, ne basteranno un paio per un risultato più che discreto. Non serve neanche ripassare la piastra ogni mattina prima di uscire, basterà una pettinata e, al limite, una passata di phon a testa in giù, per togliere i segni del cuscino e ridonare allo styling perfezione, volume e lucentezza.

Capelli lunghi: come curarli

Come fare la piastra da sola

Se finora ti sei fatta passare la piastra sempre e solo dal tuo parrucchiere o da qualche tua amica e vorresti cimentarti nella tradizionale piega liscia da sola, devi seguire alcuni passaggi: per prima cosa hai bisogno di uno specchio abbastanza grande, di un mollettone per capelli e di qualche forcina. Posizionati davanti allo specchio e sotto ad una buona luce, attacca la piastra alla presa di corrente e aspetta che si scaldi (mi raccomando, scegli sempre una temperatura media, per evitare di stressare o addirittura bruciare i capelli). Comincia ad appuntare i tuoi capelli con un mollettone, lasciando libere solo alcune ciocche, che sono quelle che andrai a lavorare subito. Afferra una prima ciocca, chiudila tra le due presse della piastra e lascia che quest’ultima scivoli lentamente dalla radice alle punte, ripassa la piastra sulla stessa ciocca al massimo una seconda volta. Ora ripeti lo stesso procedimento su tutta la tua chioma, liberandola, ciocca dopo ciocca. Una volta terminato di fare la piastra da sola, lucida le punte con una goccia di semi di lino o di olio naturale.

Come avere capelli lucidi

Come usare la piastra per capelli corti

Passare la piastra sui capelli lunghi richiede pazienza, ma una volta presa la mano, diventa un procedimento abbastanza semplice. Qualche difficoltà in più la potresti trovare se i tuoi capelli sono corti, ma anche in questo caso, basta prendere solo un po’ di confidenza per realizzare una piega impeccabile. Armati di forcine e mollette per bloccare bene i tuoi capelli e per liberare, a poco a poco, delle piccole ciocche, proprio come già spiegato in precedenza. Con i capelli corti dovrai prestare particolare attenzione ad attaccare bene alla piastra alla cute (occhio a non bruciarti!), in modo da allisciare alla perfezione anche i ciuffi più corti e scalati.

Come si usa la piastra per fare i boccoli

La piastra viene sempre più spesso utilizzata anche per realizzare dei boccoli larghi o stretti, romantici o sbarazzini. Per realizzare questa acconciatura, il procedimento iniziale – sia sui capelli corti che su quelli lunghi – è lo stesso: è necessario raccogliere i capelli con un mollettone, lasciando sciolte solo le ciocche da lavorare. A questo punto, invece di fare scivolare linearmente la piastra sulla chioma, bisognerà disegnare un boccolo tirando i capelli verso l’alto. Seguendo un movimento a spirale, dalla radice alle punte, ecco pronto il nostro primo boccolo. Procedendo in questo modo, ciocca dopo ciocca, otterrai con grande facilità i tuoi capelli mossi con la piastra. Potrai decidere tu stessa se realizzare dei boccoli stretti o larghi, a tuo gusto.

Come eliminare le doppie punte (senza tagliare i capelli)

Come usare la piastra per fare le onde

La piastra, inoltre, può essere utilizzata per realizzare il tanto di moda “wavy look”, ossia per fare quelle onde perfette che tante volte abbiamo visto anche in tv e sui red carpet delle kermesse più rinomate. Per realizzare le onde con la piastra, dovrai posizionare quest’ultima su una ciocca, ruotarla di 180 gradi, prima in un verso e poi nell’altro, scivolando lentamente fino a raggiungere le punte. Con la piastra, inoltre, potrai anche realizzare le cosiddette Finger waves, ossia quelle onde bon ton fissate sulla fronte con lacca, gel e forcine.

Capelli a onde: tutti i segreti per ottenerle

Quanti tipi di piastra esistono?

In commercio non trovi solo un tipo di piastra, bensì tre:

  • la piastra in ceramica, che è una delle più diffuse, nota per non aggredire i capelli e per essere adatta a tutti i tipi di capelli;
  • la piastra con ioni, che ha il vantaggio di idratare e rendere i capelli morbidi e corposi;
  • la piastra a vapore, uno strumento professionale e abbastanza costoso che, solitamente, si trova soprattutto nei saloni di bellezza. La caratteristica principale della piastra a vapore è, appunto, il vapore che viene rilasciato ogni qualvolta la piastra viene appoggiata sui capelli, vapore che idrata e rende perfettamente lisci i capelli.

Tutto chiaro? Non ti resta che sbizzarrirti con la tua piastra, per ottenere capelli perfetti senza il rischio di rovinarli.

gpt native-bottom-foglia-moda
gpt inread-moda-0
gpt skin_mobile-moda-0