gpt skin_web-moda-0
gpt strip1_generica-moda
gpt strip1_gpt-moda-0
1 5

Come abbronzarsi in città

/pictures/2017/07/20/come-abbronzarsi-in-citta-1150022545[686]x[286]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-moda

L'estate è arrivata, il caldo impazza e il pallore invernale della nostra pelle è ormai insopportabile: ecco come recuperare la tintarella anche senza andare al mare e come valorizzare la nostra pelle

Abbronzatura in città

Estate in città: sole, caldo, asfalto. La parola vacanze ricorre sempre più spesso nei nostri discorsi e contribuisce a darci l’illusione che la stessa vita cittadina non sia che un preludio al sospirato riposo estivo. Coltiviamo questa illusione, abbandonando al più presto quel pallore “anemico”, residuo dell’inverno ormai lontano. 

In armonia con la stagione, diamo al nostro aspetto un tono solare: la tintarella in città non è poi una conquista così difficile. Organizziamola insieme. Prepariamoci all’incontro col sole: non dimentichiamo prima di esporci al sole che la pelle dev’essere scrupolosamente pulita. Via il trucco, via i residui dell’atmosfera cittadina. Subito dopo, stendiamo con cura un prodotto filtrante: per il corpo basterà un normale olio oppure una crema incolore.

Per il viso scartate senz’altro le creme troppo grasse e tutta la gamma di oli, scegliendo invece un prodotto fluido. Se poi volete favorire l’abbronzatura potete fare, prima e durante il bagno di sole, delle abluzioni con acqua e sale (mezzo cucchiaio per un litro di acqua). Molto utile è anche integrare la propria dieta con prodotti che favoriscono la pigmentazione della pelle, come i pomodori e le carote ad esempio.

Come, dove e quando

Ecco alcuni modi per ottenere una bella tintarella in città. 
1)Il sole nei “ritagli di tempo”. Occorrente: un balcone soleggiato o un angolo di giardino e molta tenacia. Nelle pause di lavoro domestico sdraiatevi, anche solo dieci minuti. Ricordate che se anche il cielo è coperto, i raggi ultravioletti filtrano ugualmente. 
2)Il sole artificiale. Ormai in moltissime profumerie e farmacie si noleggiano apparecchi a raggi ultravioletti per abbronzature artificiali. Usateli come “usereste” il sole: con cautela. Non più di cinque minuti il primo giorno, in modo che la pelle rimanga gradatamente bella dorata senza scottature.
3)Il sole in bottiglia. Stiamo parlando dei diffusissimi prodotti di bellezza che, spalmati sul corpo vi regalano una vera abbronzatura dopo poche applicazioni. L’ importante è stendere il prodotto uniformemente. Esistono solo due “svantaggi”: qualche volta macchiano (le lenzuola, i vestiti..) e inoltre se l’applicazione non persiste la tintarella sparisce presto.

Il maquillage dell’estate in città 

Ecco il trucco ideale. La base: fondotinta colorati e coprenti invernali si possono sostituire con basi fluide e incolori. Meglio niente cipria. 
Gli occhi: metteteli in risalto senza appesantirli. Sconsigliati ombretti cremosi scuri. 
Le labbra: rossetti chiarissimi e lucidi per un viso più giovane e morbido. 
Le mani: potete usare smalti più accesi del solito. Via libera ai perlati e ai colori caldi (rosso e marrone) che risaltano l’abbronzatura. 
I capelli: vanno nutriti molto, perché il caldo li sfibra facilmente. Sui mossi applicate mousse e spume volumizzanti, mai i gel che li appesantiscono. Alle bionde si consigliano prodotti a base di camomilla che risaltano i riflessi naturali dorati. 

Dopo il sole 

Se queste applicazioni, naturali o artificiali, hanno lasciato sulla pelle qualche traccia sgradevole, come macchie rosse o pori dilatati, non allarmatevi. Probabilmente il prodotto scelto non era adatto alla vostra pelle o scaduto. Per far sparire le macchie, applicate una crema decongestionante; per i pori dilatati, applicate una maschera fatta in casa a base di crusca (un pugno), latte (3 cucchiai) e limone (una decina di gocce). Per evitare le temutissime rughe cercate di picchiettarvi i punti insidiati con una buona crema nutriente.

 

gpt native-bottom-foglia-moda
gpt inread-moda-0
gpt skin_mobile-moda-0