1 5

Lettera: "I problemi di un amore a distanza"

La lettera di un ragazzo alle prese con i problemi, i dubbi e le mille paranoie legate ai rapporti a distanza. Lui a Milano, lei in Sardegna, ci si vede poco e i soldi per i viaggi non bastano mai

Ci stanno arrivando un sacco di lettere in redazione... lettere più o meno brevi che chiedono consigli, lettere che vogliono raccontare, lettere che chiedono aiuto...
Questa settimana pubblichiamo la lettera di un ragazzo alle prese con i problemi, i dubbi e le mille paranoie legate ai rapporti a distanza. Lui a Milano, lei in Sardegna, ci si vede poco e i soldi per i viaggi non bastano mai
Redazione di GP

Ciao,
Sono un ragazzo di 24 anni , mi chiamo Daniele e per caso sono entrato nell'argomento che parlava dell'amore a distanza.
Vorrei parlarvi della mia situazione, non so se mai mi risponderete e forse lo sto facendo per trovare un semplice sfogo alla situazione al quanto difficile che mi si presenta a causa del mio amore a distanza.
Ho conosciuto una ragazza il 5/08/05 in Sardegna in vacanza con il mio amico, lei è del posto e io sono di Milano. Quella sera di agosto per caso mi trovavo con il mio amico seduto su un muretto, in passeggiata sul lungo mare di Alghero.
Un ragazzo venne verso di noi e dicendoci che delle sue amiche ci volevano conoscere e tra queste tre ragazze c'era anche lei, con il nostro consenso si diresserero verso di noi e c'era anche lei.
Vidi una ragazza timida, dolce, non saprei cosa mi si scatenò dentro in quel momento, ma era fantastico. All'inizio feci finta di niente, gli rivolsi pochissime parole, ma nel momento in cui se ne andò sentii dolore e mi porsi una sola domanda, "la rivedrò?"
Ci fu un momento in cui rimase sola, e stava salendo in scooterone per andare a casa, era davanti a me e io con tutta la mia timidezza soffrivo in silenzio, assolutamente dovevo andare da lei. Così feci e le chiesi il numero di cellulare, ero immerso nell immensità della mia timedezza quando glielo chiesi non sentii nemmeno la voce che mi usciva dalla bocca, mi sorprese il fatto che il numero me lo diede e da quel
momento iniziammo a tenerci in contatto... Passai altri 11 giorni li in Sardegna con il mio amico, io e lei passammo delle stupende serate in spiaggia, sentivo dentro di me qualcosa di stupendo, un sentimento verso di lei mai provato prima per nessun altra, capii che la cosa che ci accumunava era la timidezza...

Non abbiamo avuto nessun rapporto sessuale anche se la voglia era molto forte per entrambi e il motivo di questo potrà sembrare banale per molti ma pensavamo entrambi che era solo troppo "presto"
Tanti possono credere che questo valga solo per le donne, ma io ho sentito questa cosa dentro di "aspettare" anche per fare capire a lei che io non volevo assolutamente soltanto"divertirmi" per quelche sera, ma avevo dentro molto altro da poterle offire. Arrivò il giorno della partenza, lacrime, lacrime, lacrime e lacrime, tante lacrime, mi dovete credere.
Dal 17 agosto del 2005 non abbiamo mai smesso, sottolineo MAI , di sentirci ma nemmeno per un giorno solo, anzi una volta sola in un giorno non è mai successo. Per sintetizzare questi 10 mesi, io sono andato da lei di nuovo tutte le volte che ho potuto, tutte le feste e non, tutte le feste di Natale, lei è venuta qui ecc ecc..
L'ultima volta che l'ho vista è stato 8 giugno 2006 per 4 fantastici giorni ma credimi, troppo pochi. Ora le mie domande sono alcune, spero tu mi possa aiutare a superare alcune paure;
Purtroppo si litiga, questo è inevitabile ovviamente, la gente inevitabilmente litiga ma i motivi sono la cosa che piu mi turba, si litiga per i soldi che bisogna spendere per vederci, anche se ce l'abbiamo sempre
fatta; questa estate ho trovato un monolocale lì per 1200 euro il mese di agosto, 400 euro di nave ecc ecc, io sono stato parecchio in difficoltà per questo motivo da non poter piu uscire di casa per svariati periodi, io lavoro ma tante volte le spese sono eccessive e quindi sono costretto a non poter mettere piede fuori di casa, ma lo faccio senza problemi perchè la amo, io cerco di fargli notare queste cose ma lei le prende come rinfacciamenti, ma che non è assolutamente così!!
Voglio sottolineare il fatto che anche lei ha fatto molto per me, non è stata di certo con le mani in mano, tutte le volte che sono andato giù sono stato servito e riverito. Ora sono in attesa della partenza, prevista per il 29 di luglio.. sono sfinito e questa è la volta che non l'ho vista per piu tempo, ben un mese e 18 giorni, ho voglia di vederla e come dicevo prima sono costretto a stare in casa per aver esaurito tutte le mie possibilità finanziare, grazie a Dio vivo con mio padre e aspetto tutte le sere che lei finisca di lavorare per sentirla fino a quando non si corica e darle la buona notte.
Ho fatto e sto facendo molti sacrifici ma non vorrei che lei si possa stufare di me e o della situazione, lei mi ha garantito piu di una volta che è veramente innmorata di me e mi definisce come una persona piena di bontà, in effetti è quello che mi sento dentro. Ho paura di chiederle troppe volte se mi ama oppure di dirle che la amo, e se fosse tutta un abitudine quella di sentirci? e se una volta che vivremo assieme, plagiati in un certo senso da questa storia a distanza non ci trovassimo bene? Però ribadisco che tutte le volte che siamo stati assieme e intendo vivere sotto lo stesso tetto non ci siamo mai trovati male, il
massimo è stato per 21 giorni a Natale.. e se queste mie paure rovinassero quello che in realtà è amore e voglia di stare insieme? Il pensiero di perderla molte volte mi porta proprio a questo, credo sia l'amore che sconvolge il tuo stato interiore e anche un po' il mio pessimo carattere, molto lunatico.
Vorrei aggiungere solo un ultima cosa per quanto riguarda la fiducia reciproca..
Ho avuto parecchie occasioni di tradirla anche in modo pesante, ma non l'ho mai fatto perchè non mi potrei mai perdonare una cosa del genere, ho troppo rispetto e stima in lei e solo il pensiero di farlo mi fa diventare gli occhi lucidi e per quanto riguarda lei io sento dentro la sensazione che non lo farebbe mai nemmeno lei e questo me lo ha garantito anche lei però sppiamo tutti che tra dire e il fare...
Comunque mi fido, me lo sento dentro e anche se voci maligne mi dicono di non fidarmi io ho saldo questo sentimento di fiducia nei suoi confronti.
Concludo con un grosso saluto e spero in una vostra risposta, qualunque essa sia.
Ciao e grazie
Daniele



LEGGI TUTTE LE ALTRE LETTERE CON PROBLEMI D'AMORE
gpt