strip1-amore
1 5

Lettera: "Capire il sentimento"

Lei: la compagna di banco, bellissima, che ti mostra il suo "interesse". Lui: che piano piano si innamora. Tormenti e incomprensioni, che portano a non riconoscersi più

Ci stanno arrivando un sacco di lettere in redazione... lettere più o meno brevi che chiedono consigli, lettere che vogliono raccontare, lettere che chiedono aiuto...
Questa settimana pubblichiamo la lettera di un ragazzo alle prese con una delusione d'amore. Ma dopo più di due anni insieme sente nonostante tutto di non poterla odiare
Redazione di GP

Salve a tutti, vorrei raccontarvi la mia triste e lunga storia, una storia che mi sta logorando il cervello e a detta di molti rovinando la vita, credetemi sono disperato, forse mi prenderò un esaurimento perchè da 5 mesi non penso ad altro ogni istante, cercherò di esser il più breve possibile ma so che non ci riuscirò..... da dove inizio?
A gennaio durante un corso di specializzazione ho conosciuto una ragazza più grande di me molto bella, cioè non bella in modo soggettivo, bella da far  girare la testa a tutti: viso d'angelo, alta, snella, due occhi d'incanto; la cosa bizzarra è che all'inizio  non mi attraeva più di tanto!
Per una serie di  coincidenze ci siamo seduti vicini e siamo diventati compagni di banco per cui nel corso dei mesi abbiamo avuto modo di conoscerci scoprendo  di avere moltissime affinità e lì è iniziato a scattare qualcosa in me.
Premetto che all'epoca ero fidanzato, in una fase di incertezza, ma comunque non avevo "mire"  particolari nei confronti di questa ragazza, ci stavo bene ma nulla di più e non  pensavo mai che una dea del genere si potesse interessare a uno come me.... "purtroppo" è successo l'inimmaginabile...
Verso maggio credo, questa ragazza iniziò a farmi delle avances scherzose e dalle allusioni passò a  carezze più o meno esplicite,  pensavo scherzasse e stavo al gioco, ma dopo 2 mesi di corte spietata mi resi conto che non era  più uno scherzo e pian piano ho capito che interessava anche a me.
Un giorno a fine corso, durante una riunione a casa sua con altri colleghi, chiese se mi poteva baciare, il povero ingenuo pensava fosse il solito bacetto amichevole e invece....

Rimasti soli in casa,  mi fece una premessa, le piacevo molto, ma spiegò che la nostra storia non poteva avere un seguito in quanto  aveva ancora in testa un ex che non riusciva a dimenticare, insomma a detta sua  l' attraevo fisicamente e mi desiderava da  molto tempo, però non sapeva se iniziare questa storia visto che vedeva incerto il nostro futuro.
Qui avrei dovuto sentire già puzza di bruciato ma ero nel pallone più completo, inoltre mi trovavo d'accordo con lei in quanto anch'io avevo una ragazza e per quanto stessi in una fase di stallo, non sapevo ancora se troncare o no, per cui accettai di intraprendere questo tipo di relazione, per me nuova, pensando di poter gestire la situazione senza farmi coinvolgere.
Purtroppo fallii su tutti i fronti, NON ho MAI provato tanto trasporto e passione in vita mia per una ragazza, ho avuto il cervello che mi friggeva per giorni, come se fossi drogato di lei, avevo una sete insaziabile di questa ragazza come non ne ho mai avuta per nessuna, la desideravo ogni secondo e quando ero senza di lei avevo qualcosa nella testa che non so descrivere, come delle bombe che mi esplodevano dentro.... ho iniziato a non mangiare più, a perdere peso, non dormivo più la notte, non andavo neanche più in palestra, cose a cui non ho mai rinunciato per NESSUN motivo, tant'è che a casa si sono iniziati a preoccupare per il mio comportamento anomalo, la mia vita fu stravolta, andavo a mille...

Ovviamente tutto questo è avvenuto gradualmente, all'inizio oltre al mio trasporto animalesco che  lei gradiva parecchio, non ero poi tanto coinvolto sentimentalmente, sapendo che era un storia passeggiera cercavo di rimanere distaccato, invece lei si è dimostrata tutt'altro che fredda, sembrava una ragazzina di 15 anni, parole dolci, ogni mattina appena svegliata mi mandava un sms di saluto, la sera mi kiamava, mi diceva cose che sinceramente non mi aspettavo, così pian piano ho iniziato sciogliermi e a perdermi completamente.
Mi ricordo che addirittura aveva problemi a lasciarmi andare via, quando passavamo la notte insieme o il pomeriggio, stava male e non voleva che me ne andassi....insomma entrambi avevamo perso un pò il senso della misura. e infatti raggiunto un certo punto non eravamo dei compagni di letto, ma qualcosa di più, e proprio in quei giorni il suo atteggiamento cambiò di colpo, chiesi un chiarimento e  mi disse che voleva essere solo un'amica, perchè ci stava "mettendo troppo la testa" in questa relazione e non voleva, eravamo diventati un qualcosa a metà strada fra dei compagni di letto e dei fidanzati,  mi  diede anche altre motivazioni, che non vi dico altrimenti pensereste che è pazza...
io le dissi che mi dispiaceva ma che andava bene anche per me troncare, badate che allora non ero ancora innamorato perso di lei per questo la presi alla leggera.
Il punto è che rimanemmo  amici per 20 minuti, al 21 esimo iniziò di nuovo a provocarmi e  al 30esimo siamo finiti a letto.
Passata una settimana in cui era tornato tutto come prima (cioè compagni di letto/fidanzati) si ripropose lo stesso episodio. Così mi iniziarono a girare le scatole e chiesi una linea decisa da parte sua, o amici o amanti. Ovviamente  non potete sapere che la persona che mi trovavo di fronte è una persona molto complessa e confusa, se gli chiedevi A prima rispondeva B-C e alla fine forse A e se gli spiegavi B, capiva C... per cui dalla nostra discussione uscì di tutto, addirittura iniziò ad esser gelosa della mia ragazza in modo assurdo e rigirò la frittata, in poche parole ero io che avrei dovuto fare chiarezza nel nostro rapporto e voleva che al più presto mi decidessi: o  lei o la mia ragazza, in tutto questo il suo ex era sparito di'incanto... inoltre quando vide che mi stavo distaccando mi chiese di fidanzarci!!!!
E io le dissi no, perchè mi sembrava un gesto fatto più d’impulso che veramente sentito. Le dissi che sapevo che in realtà lei stava con me solo per svago, e s'incazzò dicendo che non farebbe mai una cosa del genere, aggiunse però che non sapeva esprimere bene quello che sentiva...guardate disse tante di quelle stranezze che vi mettereste la mani fra i capelli...la più bella fu che non sapeva come si sta in coppia e voleva che glielo dicessi io, voleva sapere come mi comportavo con la mia ragazza, se ci sentivamo tutti i giorni se c'erano delle regole eccetera perchè aveva avuto solo 2 storie serie (una con un uomo sposato) .. non sapevo se riderle in faccia o piangere...
Da quella sera cambiò di nuovo atteggiamento, iniziò a usare parole come AMORE, a parlare di un futuro fra noi, mi chiedeva cosa preferivo di lei rispetto alla mia ragazza eccetera, e poi la frase che sconvolse tutto " se sceglierai me, vedrai ti potrò dare molto! non posso che farti che del bene".
Insomma alla fine mi feci raggirare da tutte queste cose e a fine estate decisi di lasciare la mia ragazza per vari motivi fra cui anche quello di  cercare di costruire qualcosa con questa ragazza ma sparì.
Improvvisamente dopo che avevamo trascorso Agosto sentendoci quasi ogni giorno improvvisamente sul finire del mese non si fece più sentire (io sono rimasto in città le seconda metà del mese e lei è tornata nella sua città)
A settembre finalmente riuscì a rintracciarla e a prendere un appuntamento per l'ennesimo chiarimento... di nuovo le stesse risposte: ci ho ripensato torniamo amici, ho ancora la testa occupata dal mio ex... AZZ!Meno male che aveva chiesto a me di fare chiarezza e scegliere fra la mia ex o lei....l'avrei uccisa!
A quel punto mi è crollato il mondo addosso, fu un colpo durissimo dopo tutti i castelli che mi aveva fatto costruire, comunque la mia risposta fu " niente amicizia, fra noi è finita, non cercarmi più addio" in realtà la discussione fu molto + lunga perchè lei cercò in ogni modo di fermarmi e farmi cambiare idea.
Il giorno dopo ci siamo rivisti per ulteriori chiarimenti e poi un altro giorno ancora, ma non arrivammo a nessuna soluzione, tutti e due eravamo fermi nelle nostre posizioni, preso dalla disperazione le confessai il mio amore e le spiegai che per questo non potevo continuare a frequentarla, mi rispose con le solite assurdità, scuse contraddittorie e lasciandomi la vaga speranza che continuando a frequentarci  fra noi un giorno sarebbe potuto nascere qualcosa visto che ci piacciamo a vicenda....sciocchezze!

Da allora malgrado il  divieto di contattarmi mi cercò svariate volte ma io mantenni il mio punto.. non per molto...vista la sua insistenza nel sentirmi, a fine settembre disperato tentai il tutto per tutto scrivendole  una mail molto "toccante" ma non mi rispose. 
A inizio Ottobre l'ennesima (sua) chiamata finì in un bel litigio, perchè pur di non farmi contattare più la trattai uno schifo e poi ero amareggiato del fatto che non si era neanche degnata di rispondere alla mail, il motivo? "non sono brava a scrivere di certe cose.." a  30 anni????? Cose di pazzi.
Direte voi "ma perchè non le attacchi il telefono in faccia  invece di rispondere sempre ?" E' questo il punto! Non ci riesco, e infatti finita la telefonata dopo  5 minuti mi richiamò di nuovo!!! E io fesso le risposi ribadendole però il fatto di non chiamarmi più, rispose che si sarebbe sforzata di farlo, parole al vento...
Ogni volta che dicevo "basta ormai  è finita non mi chiamerà più" tornava alla carica, addirittura  mi son fatto schifare a tal punto che una volta che l'incrociai per strada non mi salutò quasi.
Pensai che si era arresa e che finalmente potevo dimenticarla, perchè è ovvio che in tutto questo stavo soffrendo da impazzire e ogni volta che la incontravo o leggevo un suo sms o ricevevo una sua chiamata (addirittura l'ho vista in tv su un tg locale!) entravo nella disperazione più totale, non sono mai stato così male e non sapevo come uscirne.
La settimana scorsa  l'ultimo sms, con la scusa che avevo lasciato dei libri a casa sua mi chiese se volevo riprendermeli, decisi di non rispondere ma non poteva mica finire così? Nooo.
Quel giorno stesso all'uscita del lavoro l'ho incontrata di nuovo!!!! Ci si mette pure il fato....Per cui ho dovuto risponderle per forza e ci sono cascato di nuovo.
Ci siam rivisti a casa sua e dopo una bella chiacchierata mi ha chiesto  di rivederci ancora e al secondo "appuntamento" mi ha invitato anche al cinema.
In tutte e 3 le occasioni ho notato un cambiamento nel suo attegiamento, molto + controllato e distaccato ed io ho scoperto di non sentire più quel sentimento che mi bruciava dentro e che mi faceva soffrire nel stare con lei, ma una cosa è rimasta, una forte attrazione fisica, l'ormone completamente impazzito

Da allora è passata una settimana e non mi ha più chiamato, 2 giorni fa l'ho fatto io ed è tornata la stessa di sempre con i suoi "tesoruccio ",  "amore" eccetera, insomma sta facendo di nuovo la cretina, siamo rimasti che ci saremmo sentiti in questi giorni per rivederci quando ritorna in città.

NON so cosa fare, non so come uscirne e soprattutto non voglio esser più preso in giro da questa persona, ma non riesco a dirle di no, non so cosa vuole da me, a settembre diceva di esser comunque  attratta da me, che sono una persona splendida, che sta bene con me, però dal suo atteggiamento ora sembra quasi palese che vuole essere solo un'amica così come a settembre.
In realtà sono stato per lei solo uno svago sessuale, ma allora perchè continua a perseguitarmi?Per avere la mia amicizia? ma quale amicizia??? fra noi non c'è mai stata tutta questa confidenza, le amicizie femminile che ho sono ben altre, fra noi non si può parlare di amicizia pura, c'è troppa attrazione fisica e  come ha detto un nostro amico comune, fra noi non c'è mai stata e non ci sarà mai, per cui che senso ha andarsi a prender il caffè o vedere un film come 2 amici?
Seppellito il sentimento che provavo ora per lei mi resta solo un forte desiderio fisico, della sua amicizia non me ne faccio niente. Perchè non sparisce dalla mia vita? Aiutatemi non so cosa fare, devo frequentarla come se niente fosse, ci devo riprovare anche se so che oltre il sesso non andrò mai oltre o devo troncare di nuovo ogni rapporto in maniera definitiva stavolta?...
per me è difficile dimenticarla e finchè continuerà a cercarmi non riuscirò a resisterle. Sembra contraddittorio col fatto che abbia annullato ogni sentimento  per lei, in realtà non so bene neanch'io a che punto sto, ma di sicuro mi sento molto meno coinvolto e ho capito che non siamo affatto compatibili.  
Qualcuno sa interpretare il suo atteggiamento? anche se ho descritto solo una parte delle sue stranezze vi prego di aiutarmi a capirla. Con me si è comportata male un sacco di volte ma non basta per farmi desistere dal volerla ancora.
Per ora aspetto che sia lei a contattarmi, ma ho l'impressione che abbia solo voluto assodare che voglio vederla ancora e che alla fine l'ha avuta vinta lei, mi ha voluto vedere quei tre giorni di seguito chissà per quale motivo e passato quel momento di grazia  mi chiamerà fra un mese quando le farà comodo... non so + che pensare.
Lo chiedo soprattutto alle donne che magari sanno interpretare meglio questo tipo di comportamento. GRAZIE!!!

Giò

LEGGI TUTTE LE ALTRE LETTERE CON PROBLEMI D'AMORE